ECM: Nuove regole per l’Educazione Continua in medicina

ECM: Nuove regole per l’Educazione Continua in medicina

Dal Primo gennaio di quest’anno i nuovi manuali ECM per i professionisti e i Provider

A partire dal primo gennaio 2019 sono entrati in vigore i nuovi Manuali redatti dalla Commissione Nazionale per la Formazione Continua che contengono le regole per i professionisti Sanitari e per i Provider riguardo la pianificazione, programmazione, erogazione e fruizione dei corsi ECM.
I manuali hanno lo scopo di presentare in modo chiaro ed univoco la normativa, sintetizzando e aggiornando in un corpus unico tutto ciò che è stato deliberato dalla Commissione in questi anni sull’argomento.
L’obiettivo della CNFC, in questa fase, appare quello di perseguire la razionalizzazione e la semplificazione delle regole, l’incremento dei controlli sugli eventi in nome della trasparenza, nonché la realizzazione di percorsi formativi tarati sul fabbisogno di conoscenza di ciascun operatore sanitario.
Una maggiore attenzione è data ora al Dossier Formativo che persegue evidentemente lo scopo di incidere sui comportamenti degli operatori del sistema attraverso una formazione sempre più adeguata e rispondente alle aspettative e all’esercizio professionale quotidiano per migliorare le prestazioni e di conseguenza l’offerta di salute per i cittadini.

Quali sono, dunque, le novità che accompagnano il nuovo Manuale sulla Formazione continua del Professionista Sanitario?
Oltre alla già citata sintesi e semplificazione delle regole, ci piace sottolineare le nuove direttive riguardo la riduzione dell’obbligo formativo:
La riduzione dell’obbligo formativo per il triennio 2017-2019 viene applicata:
1. nella misura di 30 crediti, ai professionisti sanitari che nel precedente triennio hanno maturato un numero di crediti compreso tra 121 e 150;
2. nella misura di 15 crediti, ai professionisti sanitari che nel precedente triennio hanno maturato un numero di crediti compreso tra 80 e 120;
3. nella misura di 15 crediti, ai professionisti sanitari che nel precedente triennio hanno soddisfatto il proprio dossier formativo individuale;
4. nella misura di 10 crediti, ai professionisti sanitari che costruiranno un dossier individuale ovvero saranno parte di un dossier di gruppo costruito da un soggetto abilitato (vedi §2.2.2 lettera A) nel primo anno o nel secondo anno del triennio. Le riduzioni di cui ai punti 1 o 2 sono cumulabili con quelle dei punti 3 e 4. Ulteriori riduzioni possono essere applicate secondo quanto disposto nel capitolo 4 “Esoneri ed esenzioni”.

Queste direttive che premiano i virtuosi sono chiaramente un incentivo a migliorare la qualità della formazione degli operatori a beneficio della professionalità e, conseguentemente, del servizio erogato, nell’ottica di una sempre migliore offerta di salute pubblica.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *